I tipi di sensori di pressione, e le tecnologie utilizzate nella loro produzione

I sensori di pressione sono un tipo di prodotto industriale la cui funzione tipica è quella di misurare, appunto, i livelli di pressione a cui sono sottoposti gas e liquidi. Operano fondamentalmente come trasduttori, in quanto, come tutti gli altri sensori, anche i sensori di pressione trasformano un tipo di impulso – in questo caso, la pressione a cui sono sottoposti – in un segnale elettrico, e quindi in una forma interpretabile e visualizzabile come valore. Non è difficile quindi immaginare come i sensori di pressione si rivelino fondamentali in un grande numero di applicazioni produttive, soprattutto se consideriamo come possano misurare, se opportunamente utilizzati, anche i livelli di un liquido, il flusso di liquidi o gas, e perfino laltitudine.

Naturalmente, proprio perchè trovano applicazioni così diverse, esistono diverse tipologie di sensori di pressione, a seconda di criteri diversi, che vanno dalla tipologia di applicazione alla tecnologia utilizzata nella loro costruzione, fino al tipo di pressione che effettivamente misurano.

Proprio partendo da questultimo criterio, uno dei principali, possiamo dividere i sensori di pressione in cinque categorie:

Sensori di pressione assoluti, che effettuano le proprie misurazioni raffrontandole ad un livello base, uno “zero”, che corrisponde alla pressione del vuoto perfetto;
Sensori di pressione a indicatore, che possono essere calibrati sulla effettiva pressione atmosferica del luogo di applicazione;
Sensori di pressione a vuoto, che sono in grado di misurare la pressione quando questa sia inferiore a quella atmosferica dellambiente circostante;
Sensori di pressione differenziali, che permettono di ottenere flussi pressurizzati e misurare le variazioni di pressione in un sistema;
Sensori di pressione sigillati, che vengono utilizzati per calcolare la pressione sul livello del mare.

Se daltro canto vogliamo invece classificare in base alle tecnologie impiegate nella costruzione dei sensori a pressione, potremo identificare sensori a pressione a fibre ottiche, o ancora a deflessione meccanica, e quindi basati su sistemi di molle, oppure a elementi vibranti, o ancora a semiconduttori piezoresistivi, ciascuna tipologia caratterizzata da specifiche prestazioni e quindi da un preciso campo di applicazione. I sensori di pressione vengono infatti impiegati nelle situazioni più diverse, dalle auto, agli aeroplani, ai satelliti meteorologici.