Samsung, tra smartphone tablet e televisori

Samsung, tra smartphone tablet e televisori

In un mondo dove il progressivo sviluppo tecnologico stenta a conoscere la parola ‘pausa’, la rincorsa all’ultimo modello immesso sul mercato è ormai ordinaria routine. Siano essi adolescenti, adulti o anziani il minimo comune denominatore è sempre lo stesso: come se fosse ormai un criterio di classificazione sociale è quasi d’obbligo essere alla moda e al mondo di oggi essere tale significa l’essere in possesso delle tecnologie più avanzate.

Ma in questo mercato che non conosce pause sono due i colossi che ormai si scontrano su più fronti: Apple e Samsung che, soprattutto nell’ambito di smartphone e tablet, fanno a sportellate quotidianamente.

Per quanto riguarda Samsung i conflitti non riguardano solo la Apple e gli smartphone: essendo divenuta una vera e propria superpotenza nel campo tecnologico probabilmente rappresenta l’élite in qualsivoglia prodotto realizzato. Televisioni, frigoriferi, lavatrici, climatizzatori, forni e quanto altro non vi è alcuna lacuna in termini di qualità.

Il settore più produttivo: gli smartphone

Ma tra tutti i prodotti citati precedentemente il posto all’apice dell’ipotetica piramide spetta di diritto agli smartphone.
È infatti un mondo che coinvolge tutti, che permette sistematicamente di rimanere in contatto, via social, con tutto il mondo. Vengono utilizzati da molti anche per scopi lavorativi mentre c’è chi si è reinventato un lavoro vero e proprio con il web: è il caso dei youtuber, dall’attività alquanto discutibile, ma che oggettivamente rappresenta la vera novità degli ultimi decenni.
Ma cosa serve per esser parte integrante di questo mondo? Uno smartphone qualsiasi va più che bene, purché abbia l’accesso al mondo del web senza vincoli (si potrebbe aprire un lauto discorso sui GB ma meglio al momento bypassare). Non è necessario quindi possedere l’ultimo smartphone uscito che costa 1000€ anche perché oggettivamente parlando per quanto bello e affascinante possa essere appare una cifra spropositata.

Quale smartphone allora?

Rientrando in una fascia economica più abbordabile e socialmente meno ‘criticata’ è possibile virare le proprie mire su modelli apparentemente inferiori ma che in realtà non hanno nulla da invidiare a quelli più costosi. Almeno per quanto riguarda l’utilizzo fatto dal cittadino medio.

La recensione del Samsung Galaxy J5 2017, infatti, è ottima per non dire superbe a fronte di una spesa modica (massimo 200€). Il processore è un octa core da 1.6Ghz con 2 Gb di RAM e 16 GB di memoria espandibile. Le fotocamere, sia quella interna che esterna quindi, sono di 13 Mpx e offrono pertanto tanta qualità. Cosa chiedere di più?